Nutrition and Immune System


La nostra alimentazione assume un ruolo fondamentale sul funzionamento del Sistema Immunitario, essendo gli alimenti ricchi di sostanze che possono andare a potenziarlo oppure a deprimerlo.

Per permettere questo è importante che sia in omeostasi.
Il modo migliore per un virus o batterio per attraversare l' organismo umano è attraverso il sistema digerente, per questo motivo, stomaco e intestino devono rimanere sani.
Aumentare l' apporto di fibre crea un substrato per la crescita del microbiota e quindi della nostra flora batterica.
Più la flora batterica è buona, più il microbiota è sano, più si riduce la permeabilità e di conseguenza anche l' infiammazione intestinale e diminuisce la stasi all' interno dell' intestino.

Per favorire questo processo è importante:
-Aumentare l' apporto di acqua
-Diminuire le farine raffinate
-Limitare il consumo di lievito di birra poichè crea una modulazione del microbiota creando un terreno fertile per l' insorgere dell' infiammazione
-Aumentare l' apporto di omega 3 ( semi oleosi, noci, semi di lino e chia macinati)
-Masticare lentamente: il cibo intero può graffiare la mucosa intestinale e si possono creare delle anse che fanno da nicchia per la proliferazione di batteri
-Aumentare l' apporto di fibre tramite cereali integrali, legumi, frutta e verdura
-Aumentare l' attività fisica che va ad agire a livello sia fisico che psichico
-Aumentare il consumo di Vitamine A, C, E e minerali quali Selenio e Zinco attraverso il cibo (frutta fresca, verdure, legumi, semi oleosi e frutta secca)
-Cercare di sintetizzare la Vitamina D che attiva le cellule di difesa ( T killer) attraverso l' esposizione alla luce solare per almeno 20 minuti al giorno, se non fosse possibile, assumerla tramite integratore.
-Diminuire il livello di stress attraverso il canto, la meditazione, l' esercizio fisico.

Prima di fare qualsiasi intervento diretto sul S.I. è necessario fare una depurazione. Il Sistema linfatico che collega i vari organi del S.I. tende alla stasi poichè non ha una pompa come il cuore che ripulisce la linfa e inoltre l' unico modo che ha per muoversi è allacciarsi alla muscolatura. E' bene quindi riuscire a depurarlo il più possibile

Come?

La fitoterapia ci viene in soccorso con vari rimedi come:
- il carciofo : depura il fegato dalle tossine, utilizzabile anche in tintura madre
- la linfa di betulla : drena il sistema linfatico e lo ripulisce dalle scorie
- l'echinacea :( utile come preventivo) da usare prima di ammalarsi, in quanto agisce sulla risposta immuntaria innata. Meglio ancora se associata a VIT C e Zinco
- l' uncaria tomentosa : combatte l' infiammazione ed è immunostimolante
- la curcuma: ha proprietà antinfiammatorie, potenzia l' immunità innata, sostiene la capacità innata dell' organismo nei confronti di virus e batteri. Utile sia a livello preventivo che terapeutico
- lo zenzero: antidolorifico , antinfiammatorio, inibisce la proliferazione batterica
- cibi fermentati come : Miso, tempeh, kombucha, kefir
- fermenti lattici, se necessari, ma devono superare almeno i 400 miliardi per superare la barriera acida dello stomaco

Prevenire è sempre meglio che curare.

"Impara non a curare la tua malattia, ma a preservare la tua salute"
Leonardo da Vinci

_______________________________________________________________________________________

Our feeding plays a fundamental role in the functioning of the Immune System, since foods are rich in substances that can either enhance or depress it.

To allow this, it is important that it is in omeostasis.
The best way for a virus or bacteria to pass through the human body is through the digestive system, for this reason, stomach and intestines must remain healthy.
Increasing the intake of fibers creates a substrate for the growth of the Microbiota and therefore of our bacterial flora.
The better the bacterial flora, the healthier the microbiota, the lower the permeability and consequently also the intestinal inflammation and the lower the stasis inside the intestine.

To facilitate this process is important:
-Increase the water supply
-Diminish refined flours
-Limit the consumption of brewer's yeast as it creates a modulation of the microbiota creating a fertile ground for the onset of inflammation.
Increase the consumption of omega 3 (oilseeds, nuts, linseed and ground chia)
-Slowly chewing: whole food can scratch the intestinal mucosa and you can create loops that act as a niche for the proliferation of bacteria
Increase fiberintake through whole grains, legumes, fruits and vegetables
Increasing physical activitythat goes to act both physically and psychically
Increase the consumption of Vitamins A, C, E and mineralssuch as Selenium and Zinc through food (fresh fruits, vegetables, legumes, oilseeds and dried fruits).
-Try to synthesize Vitamin D that activates the defense cells (T killer) through exposure to sunlight for at least 20 minutes a day, if not possible, take it by supplement.
-Diminish the level of stress through singing, meditation, exercise.

Before doing any direct intervention on the I.S. it is necessary to make a depuration. The lymphatic system that connects the various organs of the I.S. tends to stasis as it does not have a pump like the heart that cleans the lymph and also the only way it has to move is to connect to the muscles. It is therefore good to be able to purify him as much as possible.

How?

The phytotherapy comes to our rescue with various remedies such as:
- the artichoke : purifies the liver from toxins, also usable in mother tincture
- the birch tree sap : drains the lymphatic system and cleanses it of slag
- the echinacea :( useful as prevention) to use before getting sick, as it acts on the innate immune response. Better if associated with VIT C and Zinc.
- the uncaria tomentosa : fights inflammation and it is immunostimulant
- the curcuma: has anti-inflammatory properties, enhances innate immunity, supports the body's innate capacity against viruses and bacteria. Useful both at preventive and therapeutic level
- the ginger: painkiller , anti-inflammatory, inhibits bacterial proliferation
- fermented foods like : Miso, tempeh, kombucha, kefir
- lactic ferments, if necessary, but must exceed at least 400 billion to overcome the acid barrier of the stomach

Prevention is always better than cure.

"Learn not to cure your illness, but to preserve your health".
Leonardo da Vinci


2020-12-03 22:58:13


Excess of mucus, nutrition and natural remedies



Mucus is a substance produced by our mucus glands which, in a state of equilibrium, produce about 1.5 liters of it per day.
It performs an important protective function against viruses and bacteria as long as its condition is not altered by inflammation, in this case there will be an overproduction as a reaction of the mucosa which is attacked by bacteria.

What to do then?

First of all, maintaining homeostasis through a healthy diet.

Which foods to avoid and which ones to prefer?

Avoid:
- refined sugars and flours
- dairy products and red meats, animal fats
- foods that cool the body too much, especially in autumn and winter such as:
- raw vegetables
- different types of fruit especially (for example bananas and typically summer fruit)
- Soy products
- horse meat, crab
- foods too high in histamine such as alcohol, yogurt, vinegar, fermented foods, dried fruit, eggs, tomatoes, spinach, avocado and mushrooms.

Prefer:
- Whole grains
- Seasonal and local vegetables, possibly not raw but at least seared
- Drain the body with herbal teas and drinking the right amount of water
- Ginger (promotes sweating and moves stasis)
- Vegetable oils (olive, sesame, flax, sunflower, etc.)
- Vegetable soups (avoiding potato, which is not a vegetable and it's too much starchy)

To support these measures, some herbal remedies:


- fumigations with the aid of essential oils such as thyme, mint and eucalyptus
- herbal teas and / or decoctions of thyme, sage and ginger
- chest massage with a base oil of your choice such as almond or shea butter and essential oils. Thyme and sage always stand out among the best.
- Similar to the previous one there is also the thyme-based ointment. What is worth pointing out is to pay attention to the percentage of extract, which should be high enough.

Authors: Monica Izzo Naturopath - Giorgia Rizzo Herbalist

_______________________________________________________________________________________

Eccesso di muco: alimentazione e rimedi naturali

Il muco è una sostanza prodotta dalle nostre ghiandole mucipare che, in stato di equilibrio, ne produciamo circa 1.5 litri al giorno.
Svolge un' importante funzione protettiva contro virus e batteri fino a quando la sua condizione non è alterata dall' infiammazione, in questo caso ci sarà una sovrapproduzione come reazione della mucosa che viene attaccata dai batteri.

Cosa fare quindi?

Innanzitutto mantenere l' omeostasi attraverso una sana alimentazione.

Quali cibi evitare e quali prediligere?

Evitare :
- zuccheri e farine raffinate
- latticini e carni rosse, grassi di origine animale
- cibi che raffreddano troppo l' organismo, specialmente in autunno ed inverno come:
- verdura cruda
- diversi tipi di frutta specialmente ( ad esempio le banane e la frutta tipicamente estiva)
- i prodotti derivati dalla soia
- la carne di cavallo, il granchio
- cibi troppo ricchi di istamina come alcol, yogurt, aceto, alimenti fermentati, frutta essiccata, uova, pomodori, spinaci, avocado e funghi.

Preferire:
- Cereali integrali
- Verdura di stagione e locale, possibilmente non cruda ma almeno scottata
- Drenare il corpo con tisane e bevendo la giusta quantità di acqua
- Zenzero ( promuove la sudorazione e smuove le stasi)
- Oli vegetali ( oliva, sesamo, lino, girasole ecc)
- Zuppe di verdure ( evitando la patata troppo amidacea)

A supporto di questi accorgimenti, alcuni rimedi erboristici:


- suffumigi con al'ausilio di oli essenziali come il timo, la menta e l'eucalipto
- tisane e/o decotti di timo, salvia e zenzero
- massaggi sul petto con un olio base a scelta come potrebbe essere quello di mandorle oppure burro di karitè e oli essenziali. Tra i migliori spiccano sempre il timo e la salvia.
- Simile al precedente c'è anche l'unguento a base di timo. Ciò che è bene sottolineare è fare attenzione alla percentuale di estratto, che sia sufficientemente alta.

Autori: Monica Izzo Naturopata - Giorgia Rizzo Erborista



2020-11-12 18:39:55


Gli occhi, lo specchio dell' Anima


Gli occhi sono le specchio dell' anima, si dice.
Di fatto, per l' iridologia, oltre ad essere questo, sono anche molto di più. Le iridi sono un pò "una finestra" attraverso la quale si può comprendere cosa una persona possa migliorare nel suo stile di vita.

Se ci sono squilibri a livello fisico od emotivo, eccessi o carenze nell' alimentazione, se il corpo abbia bisogno di muoversi di più. Se la relazione con noi stessi o con l' ambiente che ci circonda sia sana.

Come per tutte le tecniche naturopatiche, l' iridologia non andrà alla ricerca di un sintomo da sopprimere, piuttosto alla causa dello stesso.

La si può utilizzare semplicemente per recuperare la buona salute, per salvaguardarla, o se si vuole, anche per andare un pò più in profondità, in un percorso di autoconoscenza.


Eyes, the mirror of the Soul

The eyes are the mirror of the soul, it is said.
Indeed, for iridology, besides being this, they are much more than that. Irises are a bit like "a window" through which one can understand what a person can improve in his or her lifestyle.

If there are physical or emotional imbalances, excesses or deficiencies in nutrition, if the body needs to move more. If the relationship with ourselves or our environment is healthy.

As with all naturopathic techniques, iridology will not be looking for a symptom to suppress, but rather for its cause.

It can be used simply to recover good health, to preserve it, or if you wish, to go a little deeper into a path of self-knowledge.


2020-11-05 21:05:30


La sinusite: il significato, la prevenzione e le cure naturali



🇮🇹 La sinusite, è un' infiammazione, acuta o cronica, che interessa le mucose dei seni paranasali.
La mucosa infiammata, aumentando di volume, ostruisce le vie di comunicazione con le cavità nasali, creando stasi, ristagno di muco, ambiente favorevole alla prolificazione dei batteri, mal di testa, naso chiuso.
Può essere di origine origine virale ,batterica, fungina, allergica o meccanica nei casi, ad esempio, di deviazione del setto nasale.

A livello analogico, può rappresentare la chiusura con il mondo esterno, un blocco legato ad un conflitto interiore, che mina la capacità di accogliere ed interiorizzare l' esperienza.
Il muco, che fisiologicamente ha la funzione di proteggere dai batteri, e di mantenere umide le mucose, in uno stato infiammatorio, a livello sottile parla di trattenimento, chiusura, protezione.

Secondo la visione naturopatica, per prevenire questo tipo di stati infiammatori è necessario:
- Evitare latticini, carne, salumi, farine raffinate, zuccheri semplici e conservanti, poichè creano sovrapproduzione di muco sia a livello del sistema respiratorio che digerente.
- Alzare le difese immunitarie al fine di proteggersi da infezioni virali o batteriche.

Rimedi erboristici e naturali:

Ideali negli stadi acuti sono i suffumigi con oli essenziali come timo bianco, eucalipto, menta, tea tree, origano e rosmarino. Rimedio abbastanza semplice e tradizionale utile anche in caso di influenze e raffreddori stagionali.
Quando invece siamo di fronte ad uno stadio cronico sarà indispensabile avere pazienza, ma non escludiamo miracoli erboristici!
Una semplice tisana, bevuta giornalmente durante tutto l'anno, può portare grossi benefici. Consigliamo foglie di eucalipto, timo e menta.
Non sottovalutiamo inoltre l'importanza di una corretta igiene della casa in modo economico, ecologico ed erboristico con acqua calda e oli essenziali oltre che olio di gomito e aceto ove necessari.
Un semplice diffusore di essenze ci aiuterà a mantenere l'ambiente fresco e pulito più a lungo con oli essenziali di timo, eucalipto, menta, origano, tea tree, agrumi come arancia e limone, e poi lavanda.
Sarà inoltre indispensabile rinforzare il sistema immunitario ed evitare i ristagni di muco. Soffiare spesso il naso gocciolante, supportare l'igiene delle prime vie aeree con spray nasali delicati privi di medicinali che provocano assuefazione ed effetti indesiderati. Anche qualche goccia di olio essenziale in un fazzolettino di carta sempre con noi ci può salvare la vita.
Altri rimedi utili possono essere gli impacchi caldi con semi di lino o farina di mais sulla fronte e sui seni paranasali. Utilizzo quotidiano della Lota ( antica pratica ayurvedica di lavaggio nasale), meglio se dopo avere fatto due o tre suffumigi per ammorbidire il muco. Insomma, basta davvero poco per fare tanto!

Autori: Monica Izzo Naturopata - Giorgia Rizzo Erborista


🇬🇧Sinusitis: meaning, prevention and natural care

Sinusitis is an inflammation, acute or chronic, affecting the mucous membranes of the paranasal sinuses.
The inflamed mucosa, increasing in volume, obstructs the communication channels with the nasal cavities, creating stasis, mucus stagnation, an environment favourable to the proliferation of bacteria, headaches, stuffy nose.
It can be of viral, bacterial, fungal, allergic or mechanical origin in cases, for example, of deviation of the nasal septum.

On an analogical level, it can represent the closure with the external world, a block linked to an internal conflict, which affects the ability to welcome and interiorize the experience.
The mucus, which physiologically has the function of protecting against bacteria, and of keeping the mucous membranes moist, in an inflammatory state, at a subtle level speaks of retention, closure, protection.

According to the naturopathic view, to prevent this type of inflammatory state is necessary:
- To avoid dairy products, meat, cold meats, refined flours, simple sugars and preservatives, as they create overproduction of mucus both in the respiratory and digestive system.
- Higher immune defencesin order to protect against viral or bacterial infections.

Herbal and natural remedies:.

Ideal in the acute stages are the fumigation with essential oils such as white, eucalyptus, mint, tea tree, oregano and rosemary.
Quite simple and traditional remedy useful also in case of seasonal influences and colds.
When, on the other hand, we are facing a chronic stage, it will be essential to have patience, but we do not exclude herbal miracles!

A simple herbal tea, drunk daily throughout the year, can bring great benefits. We recommend leaves of eucalyptus, thyme and mint .

We also do not underestimate the importance of correct hygiene of the house in an economical, ecological and herbalist way with hot water and essential oils as well as elbow grease and vinegar where necessary.
A simple essence diffuser will help us to keep the environment cool and clean for longer with essential oils of thyme, eucalyptus, mint, oregano, tea tree, citrus fruits such as orange and lemon, and then lavender.
It will also be essential to strengthen the immune system and avoid mucus stagnation. Blow often the dripping nose, support the hygiene of the first airways with gentle nasal sprays free of drugs that cause habituation and undesirable effects. Even a few drops of essential oil in a paper towel always with us can save our lives.

Other useful remedies can be warm compresses with linseed or cornmeal on the forehead and sinuses.
Daily use of Lota (ancient Ayurvedic practice of nasal washing), better if after making two or three suffumigies to soften the mucus. In short, it takes very little to do a lot!

2020-10-15 19:19:54


Cibi e rimedi naturali che rinforzano il sistema immunitario



🇮🇹Con il cambio di stagione, siamo apatici, stanchi, dormiamo male e questo può renderci sensibili agli agenti patogeni. Che fare allora?
Siamo in autunno, quindi, come sempre, bisogna preferire cibi locali e stagionali.
Cosa offre l' autunno a Malta e quali sono i cibi che meglio potenziano il sistema immunitario?
Quali i rimedi naturali più adeguati?

Cibi ricchi di vitamina C e A:

Frutta: Arance, Cachi, Castagne, Fichi, Fichi d’india, Kiwi, Limoni, Mandarini, Melagrano, Mele, Melone, Pere.

Verdura: Zucca , rapa rossa, topinambur, fave, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, capperi, carote, cavolfiori, sedano, ceci, indivia, finocchi, aglio, carciofi, cipolle, sedano rapa, funghi, cavolo viola.


Omega3 contenuto nei semi di lino, frutta secca e in particolare mandorle e noci.

Vitamina E e Omega6 contenuta frutta secca, olio extravergine d’oliva e cereali integrali, semi oleosi.

Evitare: zuccheri bianchi e preferire sempre quelli naturali ( agave, acero, malto ecc), farine raffinate, preferendo quelli integrali o semi-integrali.

Rimedi naturali:

Anche per rinforzare il nostro sistema immunitario il rimedio arriva direttamente dalla Natura. Ci sono tantissime piante, più o meno conosciute, che possiamo assumere in diverse forme. Sciroppi, spray, tinture, capsule, tisane..
Come nel caso dei cibi è indispensabile sottolineare che è bene sempre preferire piante locali piuttosto che rimedi che arrivano da molto lontano. Ma vediamone qualcuna!

Rosa canina, Echinacea e Noce: ricchissima in vitamina C la prima, preziosissima per aiutare le naturali difese dell'organismo e prevenire le infezioni stagionali la seconda, anti-infettiva la terza. Un trio perfetto!

Reishi: anche detto fungo dell'immortalità o Ganoderma. Possiede tantissime attività, non solo aiuta a rafforzare le difese ma ha dimostrato anche attività anti-istaminica e anti-tussiva. Il Reishi è ormai diventato popolare anche da noi, ma arriva dalla cultura orientale.

Issopo, Timo, Verbasco ed Eucalipto: godono di attività balsamica ed espettorante, utili in caso di tosse, raffreddore e piccole infezioni delle vie aeree.

Olio essenziale di Arancio Amaro, di Pompelmo, Timo ed Eucalipto sono tra i must have in aromateria a casa d'inverno insieme all'olio essenziale di menta.
Gli oli essenziali, agiscono spesso anche sullo stress che come sappiamo è una delle cause di abbassamento delle difese immunitarie.

Propoli, pappa reale e miele: direttamente dall'alveare, rinforzano le nostre difese e quelle di tutta la famiglia. Non dovrebbe mai mancare un barattolo di miele biologico nella nostra dispensa!

Zenzero e cannella: antinfiammatori per eccellenza, per scaldare gli animi nelle giornate invernali sia in tisane che in aromaterapia.

Esistono tantissime piante e rimedi. Il nostro consiglio è quello di affidarsi sempre ai professionisti per farvi guidare al meglio nel corso di tutte le stagioni, non solo quando iniziano i primi freddi.

Aut.: Monica Izzo Naturopata - Giorgia Rizzo Erborista

🇬🇧Food and natural remedies that strengthen the immune system
With the change of season, we are apathetic, tired, sleep badly and this can make us sensitive to pathogens. What to do then?
We are in autumn, so, as always, we must prefer local and seasonal food.
What does autumn offer in Malta and what are the foods that best boost the immune system?
What are the most appropriate natural remedies?

Foods rich in vitamin C and A:

Fruit: Oranges, persimmons, chestnuts, figs, prickly pears, kiwis, lemons, mandarins, pomegranate, apples, melon, pears.

Green: Pumpkin, red turnip, Jerusalem artichokes, broad beans, broccoli, Brussels sprouts, cabbage, capers, carrots, cauliflowers, celery, chickpeas, endive, fennel, garlic, artichokes, onions, celeriac, mushrooms, purple cabbage.


Omega3 contained in linseed, dried fruit and in particular almonds and walnuts.

Vitamin E and Omega6 contained in dried fruit, extra virgin olive oil and whole cereals, oilseeds.

Avoid: white sugars and always prefer natural sugars (agave, maple, malt, etc.), refined flours, preferring wholemeal or semi-integral ones.

Natural remedies:

Also to strengthen our immune system, the remedy comes directly from Nature. There are many plants, more or less known, that we can take in different forms. Syrups, sprays, tinctures, capsules, herbal teas... As in the case of food, it is essential to stress that it is always good to prefer local plants rather than remedies that come from far away. But let's see some of them!

Canine Rose, Echinacea and Walnut: very rich in vitamin C in the first one, very precious to help the body's natural defences and prevent seasonal infections in the second one, anti-infective in the third one. A perfect trio!

Reishi: also called immortality mushroom or Ganoderma. It has many activities, not only helps to strengthen the body's defences but has also demonstrated anti-histamine and anti-tussive activity. The Reishi has now become popular with us too, but it comes from Eastern culture.

Issopo, Timo, Verbasco and Eucalyptus: they enjoy balsamic and expectorant activity, useful in case of cough, colds and small infections of the airways.

Bitter Orange essential oil, Grapefruit, Thyme and Eucalyptus are among the must-have in home aromatics in winter along with ment essential oil.
The essential oils, often also act on stress that as we know is one of the causes of lowered immune defenses.

Poly, royal jelly and honey
: directly from the hive, they strengthen our defences and those of the whole family. There should never be a jar of organic honey missing from our pantry!

Ginger and cinnamon: anti-inflammatory par excellence, to warm the soul on winter days in both herbal teas and aromatherapy.

There are many plants and remedies. Our advice is always to rely on professional figures who can guide you through all seasons, not just when the first cold weather starts.

Auth.: Monica Izzo Naturopath - Giorgia Rizzo Herbalist

2020-10-15 11:27:05


Autumn is coming...




🇮🇹L' autunno sta arrivando anche a Malta.. ci svegliamo stanchi come se avessimo lavorato tutta la notte... ci sentiamo poco energici...
E' fondamentale preparare l' organismo, alzando le energie vitali e quindi le difese immunitarie naturalmente presenti in un corpo sano.
Fare prevenzione, in un un momento storico come questo, è fondamentale per noi stessi e per gli altri.

Cosa significa fare prevenzione?
- Fare attenzione a quello introduciamo nel nostro corpo attraverso l' alimentazione
- Fare attività fisica, moderata ma costante
- Ridurre gli eccessi e nutrire le carenze su tutti i livelli ( fisico, mentale, emotivo)
- Supportarsi, se necessario, con i giusti rimedi naturali

La malattia nasce da uno squilibrio tra le varie parti che compongono l' organismo.
La PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) insegna come i vari sistemi siano collegati tra di loro come un circolo vizioso che può diventare virtuoso facendo degli aggiustamenti al nostro stile di vita.

La Naturopatia considera ogni essere umano come un individuo a se' stante. Lavora a livello causalistico alla ricerca della causa e mai alla soppressione del sintomo, affinchè quest' ultimo possa essere risolto in via definitva.

Non esistono protocolli poichè ciò che è utile per qualcuno può non esserlo per un altro. Abbiamo terreno genetico, predisposizioni, costituzioni e stili di vita differenti.

Il corpo, attraverso il sintomo ci segnala uno squilibrio, così come una macchina, segnala atrraverso le spie un malfunzionamento. I sintomi sono sono come quelle spie: se li spegniamo, il corpo (macchina) ce li riproporrà con altri , finchè la macchina-corpo smetterà di funzionare.

"Prevenire è meglio che curare". (Cit. : B. Ramazzini - Medico, scienziato, scritto 1633-1714)


🇬🇧Autumn is coming to Malta too... we wake up tired as if we had been working all night long... we feel lacking of energy...
It is essential to prepare the body, raising the vital energies and therefore the immune defences naturally present in a healthy body.

Doing prevention, in a historical moment like this, is fundamental for ourselves and for others.

What does it mean to do prevention?
- Paying attention of what we introduce into our bodies through the food.
- Doing physical activity, moderate but constantly
- Reducing excesses and nourishing deficiencies on all levels (physical , mental , emotional)
- Support ourselves, if necessary, with the right natural remedies.

The disease arises from an imbalance between the various parts that make up the body.
The PNEI (psychoneuroendocrinoimmunology) teaches how the various systems are connected to each other as a vicious circle that can become virtuous by making adjustments to our lifestyle.

Naturopathy considers every human being as an individual in its own right. It works at causalistic level in search of the cause and never at the suppression of the symptom, so that the latter can be resolved definitively.

There are no protocols because what is useful for one person may not be useful for another. We have different genetic terrain, predispositions, constitutions and lifestyles.

The body, through the symptom, signals us an imbalance, just as a machine, through the spies, signals a malfunction. The symptoms are like those spies: if we turn them off, the body (machine) will propose them us again with others, until the machine-body will stop working.

"Prevention is better than cure". (Quote : Bernardino. Ramazzini - medical doctor, scientist, writer 1633-1714)

2020-10-12 13:45:18


Acufeni, cosa sono e rimedi naturali


🇮🇹Acufeni:

Si tratta di un'irritazione o infiammazione del nervo acustico, possono essere fastidiosi al punto tale da compromettere l’udito e la qualità della vita del soggetto che ne è colpito. Le cause possono essere diverse sia di natura fisiologica come:
- l’ipertensione, alterazioni del flusso sanguigno dei vasi vicini all’orecchio, il soffio al cuore, trauma all'orecchio interno, cervcalgia, lavori rumorosi, abuso di fumo,farmaci ototossici, intolleranze alimentari, diabete;
- oppure psicosomatici, come ad esempio lo stress;
- o ancora conseguenza di errate abutudini alimentari: intossicazione da zuccheri, alcool e farine bianche.

Cosa può fare naturopatia?

Il naturopata, lavorando per il ripristino dell' omeostasi, individua eccessi da ridurre e carenze da nutrire, modificando, in collaborazione con l' utente, lo stile di vita.

I Rimedi naturali possibili, infatti, consistono in una serie di misure alimentari e comportamentali che l' utente può mettere in atto:

Ad esempio:
• Eliminare il fumo
• Mantenere l' organismo ben idratato
• Evitare alcool che potrebbe aumentare il flusso di sangue
• Ridurre la caffeina ed il sale
• Evirare latticini, zuccheri e farine raffinate poichè creano muco

Un' attenta analisi olistica può individuare la giusta causa e quindi il giusto rimedio.


🇬🇧Tinnitus:
It is an irritation or inflammation of the acoustic nerve, which can be bothersome to the point of compromising hearing and the quality of life of the affected person.
The causes can be different both of a physiological nature such as:
- hypertension, changes in the blood flow of the vessels near the ear, heart murmur, trauma to the inner ear, neck pain, noisy work, smoking abuse, ototoxic drugs, food intolerances, diabetes;
or psychosomatic, such as stress;
or again the consequence of incorrect eating habits: - intoxication with sugars, alcohol and white flours.

What can naturopathy do?

The naturopath, working for the restoration of homeostasis, identifies excesses to be reduced and deficiencies to be nourished, modifying, in collaboration with the individual, the lifestyle.

The possible Natural Remedies, in fact, consist of a series o dietary and behavioral measures that a person can implement:

Eg:
• Eliminate smoking
• Keep the body well hydrated
• Avoid alcohol which could increase blood flow
• Reduce caffeine and salt
• Avoid dairy products, sugars and refined flours as they create mucus

A careful holistic analysis can identify the right cause and therefore the right remedy.

2020-10-08 15:39:08


Riflessologia e sistema immunitario


Il trattamento podalico riflesso sostiene e risveglia il sistema immunitario, non solo perchè attraverso la stimolazione dei punti riflessi lavora sugli organi deputati alla difesa immunitaria, ma anche perchè, l' operatore individua i comportamenti nocivi e, in stretta collaborazione con l' utente, lavora alla rieducazione ad uno stile di vita pro-salute.

Come?

Nutrendo le carenze e riducendo gli eccessi.
Quando soffriamo di mal di testa, per fare un esempio, siamo stati abituati, io per prima lo sono stata per tanti anni, a cercare qualsiasi metodo, disponibile sul mercato, per sopprimere quel dolore.
Poco importa il come, abbiamo bisogno di qualcuno o qualcosa che, con una certa urgenza ci sopprima quel dolore, ignari che spegnendo quel sintomo, ci togliamo la possibilità di una risoluzione definitiva.

Per far comprendere questo punto, di solito, si fa spesso l' esempio dell' automobile, che trovo molto efficace, visto che il corpo umano è una macchina a tutti gli effetti.

Facciamo il caso che stiamo guidando e la nostra auto ad un certo punto segnala attraverso una spia arancione che c'è qualcosa che non va.
Noi infastiditi da questa spia lampeggiante la spegniamo, in questo modo abbiamo spento la spia, ma non abbiamo risolto il problema. Pochi chilometri più avanti, la macchina ci segnalerà un altro problema che noi spegneremo, e così finchè la macchina non si fermerà e quindi saremmo costretti ad affrontare una spesa ben più grossa, per riparare i danni.

Nel corpo umano succede la medesima cosa: ci arriva il sintomo fastidioso, come un banale mal di testa, lo spegniamo con un farmaco, ma non abbiamo risolto la causa, infatti si ripresenterà ancora e ancora finchè non diventerà cronico.

Qual'è la soluzione quindi se il dolore è insopportabile?

Il sintomo ci serve per ricordarci che dobbiamo risolvere la causa di quel problema e non continuare ad accanirci sull' effetto, se spegniamo un mal di testa, ad esempio, ci ricorderemo poi che la causa può risiedere in una vita troppo sedentaria, o in un eccesso di proteine animali e zuccheri nella nostra dieta o magari l' insieme di queste cause?

Il lavoro dell' operatore olistico sta proprio nel cooperare insieme all' utente al fine di riattivare l' organismo e le sue difese naturali per poter far fronte all' attacco di agenti patogeni e per metterlo in condizioni di non dover alla lunga più ricorrere ai rimedi sintomici, siano essi farmaci o altro.

I rimedi sintomatici sono utile come stampella per sostenerci nel cammino verso la guarigione, ma non devono diventare scusa per zoppicare tutta la vita.

FOOT REFLEXOLOGY AND IMMUNE SYSTEM

The foot reflexology treatment supports and awakens the immune system, not only because through the stimulation of reflex points it works on the organs charged to the immune defense, but also because the operator identifies harmful behavior and, in close collaboration with the user, works on the re-education to a pro-health lifestyle.

How?

By feeding deficiencies and reducing excesses.
When we suffer from headaches, to give an example, we have been accustomed ( I also did it for many years) to look for any method, available on the market, to suppress that pain.
No matter how, we need someone or something that, with a certain urgency, will suppress that pain, unaware that by turning off that symptom, we remove the possibility of a final resolution.

In order to make this point understood, we often make the example of the car, which I find very effective, given that the human body is like a machine.

Let's take the case that we are driving and our car at a certain point signals through an orange light that something is wrong.
We, bothered by this flashing light, turn it off, but we don't solve the problem. A few kilometres further on, the car will signal us another problem that we will turn off, and so on, until the car stops and then we would be forced to face a much bigger expense, to repair the damage.

In the human body the same thing happens: we get the annoying symptom, like a banal headache, we turn it off with a drug, but we have not solved the cause, in fact it will happen again and again until it becomes chronic.

So what is the solution if the pain is unbearable?

The symptom serves to remind us that we have to solve the cause of that problem and not to continue to insist on the effect, if we turn off a headache, for example, will we then remember that the cause may reside in a too sedentary life, or in an excess of animal proteins and sugars in our diet or maybe all these causes?

The work of the holistic operator is precisely to cooperate with the user in order to reactivate the body and its natural defenses to be able to cope with the attack of pathogens and to put it in a condition to avoid to resort to symptomatic remedies in the long run, be they drugs or others.

Symptomatic remedies are useful as a crutch to support us on our way to recovery, but they should not become an excuse to limp all our lives.


2020-09-07 21:19:27


How the Bach flowers work?


🇬🇧 Flower therapy, in particular Bach flowers are a good support for those who decide to take responsibility for their health. Completely free of side effects, the flowers support us towards the knowledge of ourselves and thanks to the advice of the florist help us to correct those dynamics that hinder the healing processes.

One of the flowers I like the most aesthetically is Red Chestnut.

In May, after the lockdown, I found myself walking through the streets of Dresden in Germany and every street was full of the ruby red color of this beautiful flower...

Red Chestnut is a useful remedy for those who worry too much about the welfare of others, often cancelling themselves out.

Bach describes it as follows: "For those who find it difficult not to be anxious about other people. Many times they may not worry about themselves anymore, but they can suffer a lot for the people they care about, often expecting unpleasant events to happen to them.

I call it "the Flower of Mothers" because it reminds a little bit of the apprehensive and maternal attitude of a mother, but it is not rare that through the test it emerges to a man, or a dog or a child.

The flower will harmonize this anxious concern for others and then turn it into a quality, that is, a healthy caring for others.

🇮🇹 La floriterapia, in particolare i fiori di Bach sono un buon supporto per chi decide di prendere la responsabilità della propria salute. Completamente privi di effetti collaterali, i fiori ci sostengono verso la conoscenza di noi stessi e grazie ai consigli del floriterapeuta ci aiutano a correggere quelle dinamiche che ostacolano i processi di guargione.

Uno dei fiori che esteticamente mi piace di più è il Red Chestnut.

Nel mese di maggio, dopo il lockdown, mi trovavo a passeggiare per le vie di Dresda in Germania ed ogni via era carica del color rosso rubino di questo splendido fiore...

Red Chestnut è il rimedio utile per coloro che si preoccupano in maniera eccessiva del benessere altrui, spesso annullando loro stessi.

Bach lo descrive così: "Per quelli che trovano difficile non stare in ansia per altre persone. Molte volte arrivano a non preoccuparsi più per se stessi, ma possono soffrire molto per le persone a cui tengono, spesso aspettandosi che possano loro accadere eventi spiacevoli".

Io lo chiamo "il Fiore delle Mamme" perchè ricorda un pò l' atteggiamento apprensivo e materno di una madre, ma non è raro che tramite il test emerga ad un uomo, o ad un cane o ad un bambino.

Il fiore permetterà di armonizzare quest' ansiosa preoccupazione per gli altri e quindi trasformarla in una qualità, ossia in un sano occuparsi degli altri.

2020-08-23 16:15:42


We are what we eat


🇬🇧
"We are what we eat" said Feuerbach, a famous and controversial German philosopher who lived in the second half of the 19th century.
In particular, he was the first who raised doubts about the dualism of body and and soul, because he believed in the non-separation between psyche and soma ( mind and body), he therefore fought against any form of religion or philosophy which didn't not take into account the body dimension.

Anyway, let's come to the present day. We are what we eat is a sentence that we often read in newspapers, advertisements and so on.. But what does it mean exactly?

Everything we introduce in our body has an energy, consequently, the digestive process does not only deal with separation, assimilation, digestion and waste, but also its nutritional properties and less considered, the energy.

This means that, if in our diet we choose vital and fresh foods (which respect geography and seasonality), rather than those which have undergone a thousand steps of storage, refining or which have had to travel hundreds if not sometimes thousands of kilometres, there will be a greater probability of absorbing the right nutrients and the right energies.

I often receive people in treatment who feel tired and exhausted and usually, in their minds, the first culprit to whom point the finger is stress.

True! We are a society full of stressors, or rather of incapable people of interacting with stressors (work, family, relationships, etc.), so, instead of limiting the damage by introducing healthy and quality food into our bodies, we use it to vent our frustrations.

So we are tired, stressed and to complete the picture, we give a hit to our digestive system.

Let's start from the simplest things by eating better. With a healthy body, following a healthy diet, we will be more likely to interact and thus govern the everyday events, our mind will be more focused as well as our ability to cope with the obstacles of life.

🇮🇹
Siamo quello che mangiamo

"Siamo quello che mangiamo" disse Feuerbach, famoso e controverso filosofo tedesco vissuto nella seconda metà del XIX secolo. In particolare, è stato il primo a sollevare dubbi sul dualismo tra corpo e anima, perché credeva nella non separazione tra psiche e soma (mente e corpo), quindi ha combattuto contro qualsiasi forma di religione o filosofia che non teneva conto della dimensione corporea.

Comunque, veniamo ai giorni nostri.

Siamo quello che mangiamo è una frase che leggiamo spesso su giornali, pubblicità e così via .. Ma cosa significa esattamente?

Tutto ciò che introduciamo nel nostro corpo ha un'energia, di conseguenza il processo digestivo non si occupa solo di separazione, assimilazione, digestione e scarto, ma anche delle sue proprietà nutritive e meno considerate, l'energia.

Ciò significa che, se nella nostra dieta scegliamo alimenti vitali e freschi (che rispettano geografia e stagionalità), piuttosto che quelli che hanno subito mille passaggi di stoccaggio, raffinazione o che hanno dovuto percorrere centinaia se non talvolta migliaia di chilometri, ci sarà una maggiore probabilità di assorbire i giusti nutrienti e le giuste energie.

Ricevo spesso persone in trattamento persone che si sentono stanche ed esauste e di solito, nella loro mente, il primo colpevole su cui puntare il dito è lo stress.

Vero! Siamo una società piena di fattori stressanti, ma sopratutto di persone incapaci di interagire con essi (lavoro, famiglia, relazioni, ecc.). Quindi, invece di limitare i danni introducendo cibo sano e di qualità nel nostro corpo, lo usiamo per sfogare le nostre frustrazioni.

Di coseguenza siamo stanchi, stressati e per completare il quadro diamo un colpo basso al nostro sistema digerente.

Partiamo dalle cose più semplici, mangiamo meglio, con un corpo sano, seguendo un' alimentazione sana, avremo maggiori probabilità di interagire e governare così i vari eventi di tutti i giorni, la nostra mente sarà più concentrata così come la nostra capacità di far fronte agli ostacoli della vita.



2020-08-18 13:53:06


An ordinary day


L' importanza del movimento

E' ormai cosa nota che ci viene ripetuta a mò di mantra l' importanza del movimento per il mantenimento della buona salute.
Ma ci siamo mai chiesti perchè? Qual'è la relazione tra movimento e benessere?

Risponderò da un punto di vista naturopatico, quindi tenendo in considerazione l' essere umano nel suo insieme.

Muoversi, con una certa costanza, mette in moto i vari sistemi ed apparati presenti dell' organismo che sono in costante comunicazione tra loro, quindi sistema nervoso, apparato cardio-circolatorio, respiratorio, digerente e così via.
Ne consegue che, mettendo in moto l' apparato locomotore, a catena attiviremo anche tutti gli altri, cosicchè, con una semplice camminata quotidiana, ne beficeranno i nostri muscoli, le nostre ossa, la respirazione, la circolazione sanguigna e linfatica, la digestione e la peristalsi...

Facciamo un esempio pratico.

Il sig. Bean ha una vita tendenzialmente sedentaria, si alza tutti i giorni alla stessa ora per andare in ufficio, in auto, stando ore bloccato nel traffico dell' ora di punta, nella quale avrà cominciato a rimuginare su tutte le scadenze da pagare, sulla brutta discussione avuto col capo e magari arrabbiandosi in coda al semaforo perchè il primo della fila non è partito immediatamente al verde.

Torna a casa, discussione con il vicino di casa perchè sbaglia sempre a buttare la spazzatura, stanco esausto non ha voglia di cucinare, prende a caso il primo volantino di consegna cibo a domicilio, ordina pizza superfarcita, con tante patatine fritte, salse di tutti i colori e possibilmente una birra media, grazie.
Finito di ingurgitare tutta quella combinazione di junk food, stremato, si metterà a letto non prima di avere fumato nervosamente la sigaretta della staffa.

L' indomani ricomincerà da capo come un film già visto.
A fine mese si sentirà scarico e senza forze.
Il Sig. Bean lo sa che avrebbe bisogno di fare una bella passeggiata fuori, di fare una partita a calcetto con gli amici, ma il suo corpo non ce la fa, è esaust! Si guarda allo specchio ed è anche pieno di brufoli!

Cos'è successo al Sig. Bean?

In breve, la sua povera milza ha dovuto supportare e sopportare tutte le sue rimuginazioni mentali.
Il fegato ha fatto lo stesso con la rabbia contro i colleghi, gli automobilisti, le birre medie, le patatine fritte e i vari altri pasticci fatti.
L' intestino, non sa più a quale altro organo chiedere supporto perchè sono tutti impegnati a fare gli straordinari.
La pelle che cerca di venire in supporto all' intestino cerca di mandare messaggi di fumo riempiendosi di bubboni.


Proviamo a ripercorrere una giornata media del Sig. Bean in chiave trasformativa.
Il sig. Bean come ogni mattina si sveglia, fa qualche esercizio di stretching, fa una colazione sana e prende l' auto che la sera prima aveva parcheggiato lontano, piccola azione che gli permetterà di fare un minimo di movimento.
In macchina, ove non fosse possibile andare con i mezzi pubblici, metterà una musica che ama e che lo fa cantare a squarciagola dimenticandosi quindi dei suoi problemi e dando un sospiro di sollievo alla povera milza.
Arriva in ufficio con uno stato d' animo energico, proattivo, positivo tale da contagiare anche tutti i suoi colleghi, il suo cuore è contento!
Bean ha finito il lavoro prima del previsto, torna a casa ed è ancora presto per cenare, quindi decide di spolverare la bicicletta nel box e farsi una bella pedalata nel parco, articolazioni, ossa e muscoli stanno facendo la Ola.
Tornando a casa passa davanti al supermercato e appagato dalla pedalata, non sente il bisogno di comprare cibo compensativo ed opterà per dei cereali, delle verdure di diversi colori e della frutta.
Lo stomaco e l' intestino si sono abbracciati commossi.
A casa mentre cuociono i cereali, ha il tempo di fare quella telefonata ad una cara amica che non sentiva da tempo, nutrendo il cuore e le emozioni. Polmoni e cuore hanno stanno brindando.
Dopo cena si sente ancora pieno di energie... sul comodino del letto ha un bel libro regalato da una cara amica che parla dei benefici della meditazione.
Ne legge qualche pagine e decide che... perchè non provarci? Fa qualche minuto di meditazione e crolla beato tra le braccia di morfeo. Cervello e sistema nervoso si sono messi in ginocchio in segno di immensa gratitudine.

Vi sembra un paradosso? O vi siete un pò riconsciuti nel sig. Bean? Sono stata anche io una M. Bean qualunque, prima di rendermi conto che la vita è un dono prezioso, che più tratto bene il mio corpo più lui me ne renderà merito e mi ripagherà con gli interessi.

Diamo una scossa energica al nostro sistema immunitario intorpidito da infiniti giorni di quarantena forzata da Covid19!
Non facciamoci trovare impreparati di fronte a potenziali attacchi di qualunque tipo di virus, riattiviamoci, ognuno con i propri tempi e le proprie modalità, ma senza cadere nell' autocompiacimento, risvegliamoci da questo lungo inverno!



It is now a well-known fact that the importance of movement for the maintenance of good health is repeated to us as a mantra. But have we ever wondered why? What is the relationship between movement and well-being?

I will reply from a naturopathic point of view, therefore taking into account the human being as a whole.

Moving, with a certain constancy, sets in motion the various systems and apparatus of the body that are in constant communication with each other, so nervous system, cardio-circulatory system, respiratory system, digestive system and so on.
It follows that, by setting in motion the locomotor apparatus, we will also activate all the others, so that, also with a simple daily walk, our muscles, bones, breathing, blood and lymphatic circulation, digestion and peristalsis will be positively impacted.

Let's take a practical example.

Mr. Bean has a tendentially sedentary life, he gets up every day at the same time to go to the office, by car, being stuck in rush hour traffic, so he starts to brood over all the deadlines to pay, the bad argument he had with his boss and maybe getting angry in every traffic lights because the first car in line did not start immediately.

He goes home, arguing with his neighbor because he always makes mistakes in throwing the garbage . Tired and exhausted he doesn't want to cook. So he takes at random the first flyer of delivery food service, orders super stuffed pizza, with lots of chips, sauces of all colors and possibly a pint .. thank you!
Finished swallowing all that junk food combination, exhausted, he'll go to bed not before having nervously smoked the "last of the day".

The next day he'll start all over again like a movie he's already seen.
At the end of the month, he feels exhausted.
Mr Bean knows he needs to go for a nice walk outside, to play football with his friends, but his body can't take it, he's too tired! He looks himself in the mirror and he's got also pimples all over him! What happened to Mr. Bean? The intestine no longer knows which other organ asking for help because they are all busy working overtime.
The skin that tries to come in support of the intestine tries to send smoke signals by filling with pimples.

Let's try to go over Mr. Bean's typical day in a different key.

Mr. Bean wakes up every morning, makes some stretching exercises, has a healthy breakfast and takes the car he had parked far away the night before, a small action that will allow him to make a minimum of movement.
In the car, if it is not possible to go by public transport, he will put a music he loves and that makes him belting out, forgetting his problems and giving a sigh of relief to the poor spleen.
He arrives at the office with an energetic, proactive, positive and contagious state of mind.. His heart is happy!
Bean has finished the job earlier than expected, comes back home and it's still early for dinner, so he decides to dust off his bike in the garage and have a nice ride in the park! Joints, bones and muscles are doing the wave.
On the way home he passes in front of the supermarket and satisfied by the ride, he doesn't feel the need to buy compensatory food and will opt for cereals, vegetables of different colours and fruit.
His stomach and intestines are embraced and moved...
At home while cooking cereal, he has time to make that phone call to a dear friend he hadn't heard for a long time, feeding his heart and emotions.
Lungs and heart are toasting such a day!
After dinner he still feels full of energy... on the bedside table he has a nice book given by a dear friend which talks about the benefits of meditation.
He reads a few pages of it and decides that... why not give it a try? He takes a few minutes of meditation and falls blissfully into the arms of morpheus.
His brain and nervous system are on their knees in immense gratitude. br>
Does it sounds like a paradox? Or do you recognize yourself a little bit in Mr. Bean?
I was an ordinary M. Bean myself before I realized that life is a precious gift, and the more I treat my body well the more he will give me credit for it and repay me with interest.

Let's shake up our immune system numbed by endless days of Covid's forced quarantine19!
Let's avoid to be unprepared for potential attacks of any kind of virus, let's reactivate ourselves, each with its own time and way, but without falling into complacency, let's wake up from this long winter!

2020-07-05 21:04:41


Ma dove prendi le proteine?


Mi è capitato spesso di sentirmi dire da amici sportivi che non saprebbero come gestire un' alimentazione vegetale visto l' alto consumo energetico dato dall' attività sportiva.
Questo è un altro dei tanti falsi miti che ci trasciniamo da decenni di cattiva informazione.
L' alimentazione vegetale è ottimale anche per gli sportivi anche perchè fornirebbe il corretto apporto di vitamine e minerali necessari a recuperare quelli persi durante l' allenamento e le proteine fondamentali al recupero muscolare.
Sono diversi i benefici a conseguenza di un' alimentazione vegetale anche per gli atleti, ad esempio, il miglioramento delle difese immunitarie, la riduzione dello stress ossidativo e una maggiore velocitò di recupero post-allenamento.
Anche l' American Dietetic Association conferma che le diete a base vegetale, ben pianificate sono ,da un punto di vista nutrizionale, sane ed adeguate, a tutte le fasi evolutive, compreso gravidanza, allattamento ed infanzia ed anche per gli sportivi. Sostiene intoltre che le diete vegetariane, contenendo una grande varietà di proteine vegetali siano in grado di fornire i giusti nutrienti senza dover ricorrere all' uso di cibi supplementari o integratori.
Fonte: ADA - Position of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets - Volume 109, Issue 7, Pages 1266-1282 (July 2009)

"L' allenamento, specialmente se intensivo, può portare a sviluppare alcune problematiche. Atleti di alto livello spesso mostrano una ridotta efficienza del sistema immunitario ed un’aumentata incidenza di infezioni nel tratto superiore del sistema respiratorio". (Fonte SSNV)
Inoltre, durante l' allenamento si produce stress ossidativo ed anche per questo motivo si ricorre spesso ad intragratori antiossidanti, tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che l'utilizzo di questi ultimi non raggiunge lo stesso benefico effetto che si otterrebbe attraverso quelli naturalmente contenuti nei cibi vegetali, anzi, in alcuni, i primi sembrerebbero rallentare il recupero muscolare.

Tra i vari cibi con il più alto contenuto di antiossidanti ci sono:

  • frutti di bosco ( ribes, more, lamponi, fragole)
  • carciofi
  • cavolo nero
  • kiwi
  • peperoni
  • pistacchi
  • pomodori secchi
  • arance

e molti altri..

Ma dove prendi le proteine?

Non ci sono dati iche confermino benefici nell’assunzione di quantità di proteine superiori ai 2 g per kg di peso al giorno, bensì ci sono dati che indicano che un eccesso proteico si abbatte sui reni sovraffaticandoli, nello sforzo di smaltire le scorie azotate dovute alla loro digestione.

Per approfondimenti:
Alimentazione e Sport

Where do you get proteins?
I have often heard from friends practicing sports who would not know how to manage a plant based diet due to the high energy consumption given by sports activities.
This is another of the many false myths that we drag on from decades of bad information.
The vegetable diet is also optimal for athletes because it provides the correct intake of vitamins and minerals needed to recover those lost during training and proteins essential to muscle recovery.
There are several benefits as a result of a vegetarian diet also for athletes, for example, the improvement of immune defenses, the reduction of oxidative stress and a greater speed of recovery after training. Source: ADA - Position of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets - Volume 109, Issue 7, Pages 1266-1282 (July 2009)

"Training, especially if intensive, can lead to some problems. High level athletes often show a reduced efficiency of the immune system and an increased incidence of infections in the upper respiratory tract". (Source SSNV)
In addition, during training, oxidative stress is produced and also for this reason we often use antioxidant supplements, however, several studies have shown that the use of these do not reach the same beneficial effect that would be obtained through those naturally contained in plant foods, indeed, in some of them, they seem to slow down muscle recovery.


Among the various foods, those with the highest antioxidant content are:
  • berries (currants, blackberries, raspberries, strawberries)
  • artichokes
  • black cabbage
  • kiwi
  • pepperoni
  • pistachios
  • dry tomatoes
  • arance

and many others...

But where do you get the protein?

There are no data in the literature confirming benefits in protein intake above 2 g/kg/day. On the contrary, an excess protein creates overwork for the kidneys, which have to dispose of the nitrogen waste due to their digestion.

For more information:
Food and Sport

2020-06-20 00:03:09


Il Latte, il Calcio e le Ossa



Ad oggi non ci sono evidenze scientifiche che giustifichino l' utilizzo del latte al fine di rafforzare la massa ossea e prevenire l' osteoporosi, bensì ci sono studi che provano che il latte vaccino, non solo è inutile all' uomo, ma anche dannoso.
L’ennesima ricerca arriva dall' università di Uppsala è ed stata pubblicata sul British Medical Journal, una delle fonti più affidabili ed accreditate, nel quale si evidenzia che il consumo di latte crea un ambiente acidificante, a livello intestinale viene degradato ad acido lattico facendo aumentare le infiammazioni e lo stress ossidativo. Condizioni queste alla base di un maggior rischio di mortalità e paradossalmente di fratture ossee.
Inoltre, sempre secondo lo studio svedese, nelle donne il consumo stesso di latte è stato associato ad una maggiore probabilità di subire una frattura.

E' noto ormai che l' utilizzo di proteine animali acidifica l' organismo e lo mette in condizioni di una continua perdita di calcio nelle ossa, questo perchè l' osso cede sali di calcio durante la fase di metabolizzazione delle proteine.
L’eccesso proteico è più dannoso per l' osso rispetto ai limitati apporti di calcio e, in un'alimentazione onnivora, questo eccesso è costante.
Per valutare la salute dell’osso non è tanto importante tenere in considerazione la quantità di calcio assunta, ma piuttosto il rapporto calcio/fosforo , che dipende dalla quantità di proteine assunte con la dieta.

Un altro aspetto importante per la salute ossea, più della densità (di cui c'è già un gran mercato tra integratori e trattamenti farmacologi e diagnostici), è il rischio di frattura.
Come spiega il Prof. Berrino, nel suo libro "Il Cibo dell' Uomo", alcuni trattamenti per l' osteoporosi, possono rendere l' osso più denso alla MOC, ma in realtà più fragile.

L' OMS infatti ha proposto un questionario che calcola il rischio di frattura a 10 anni ( Fracture Risk Assessment Tool) che risulta essere decisamente più affidabile della MOC.

Un' altra tra le cause più importanti dell' osteoporosi è la sedentarietà. E' consigliabile sempre fare attitività fisica, possibilmente all' aperto,di modo da poter sintetizzare la vitamina D. Anche la famosa camminata di 30 minuti al giorno, meglio se con un peso sulle spalle.

In sintesi, per la saute delle ossa è bene:

• Ridurre le proteine animali, evitare zuccheri e bibite zuccherate che acidificano l' organismo.
• Ridurre il consumo di sale ( che facilta l'eliminazione di calcio con le urine)
• Aumentare il consumo di calcio attraverso i vegetali : la presenza di ossalati in alcuni vegetali come, coste, bieta, rabarbaro,spinaci, rape, cicoria ecc., potrebbe ridurre la biodisponibilità di calcio, tuttavia è anche vero che, per ricavare una buona quantità di calcio anche da queste verdure è sufficiente di eliminare l’acqua di cottura, eliminando con essa anche gli ossalati.
• Altri alimenti ricchi di calcio sono il sesamo, il gomasio, la cipolla ( meglio cotta), mandorle, legumi, erbe aromatiche ( basilico, maggiorana, timo...)
• Evitare the e caffè durante e dopo i pasti, in quanto la caffeina inibisce l' assorbimento intestinale.
• Fare esercizio fisico costante
• Non fumare

Per approfondire:
10 buoni motivi per smettere di bere latte
Più si beve latte e più calcio si perde dalle ossa: parola del British Medical Journal
Libro: Il cibo dell' Uomo - F. Berrino


MILK, CALCIUM AND BONES

The latest research comes from the University of Uppsala and has been published in the British Medical Journal, one of the most reliable and accredited sources, which shows that the consumption of milk creates an acidifying environment, at the intestinal level is degraded to lactic acid by increasing inflammation and oxidative stress. These conditions are at the basis of an increased risk of mortality and paradoxically of bone fractures.
Also, according to the Swedish study, in women the consumption of milk itself was associated with a higher probability of suffering a fracture.

It is now known that the use of animal proteins acidifies the body and puts it in conditions of a continuous loss of calcium in the bones, this because the bone releases calcium salts during the metabolization phase of the protein.
Excess protein is more harmful to the bone than limited calcium inputs and, in an omnivorous diet, this excess is constant.
To evaluate bone health, it is not so important to take into account the amount of calcium taken, but rather the calcium / phosphorus ratio, which depends on the amount of protein consumed with the diet.

Another important aspect for bone health, more than density (of which there is already a large market among supplements and pharmacological and diagnostic treatments), is the risk of fracture.
As Prof. Berrino explains, in his book "Il Cibo dell' Uomo", some treatments for osteoporosis can make the bone denser to the MOC, but in reality more fragile.

The WHO in fact proposed a questionnaire which calculates the risk of fracture at 10 years (Fracture Risk Assessment Tool) which is much more reliable than the MOC.

One of the most important causes of osteoporosis is sedentariness. It is always advisable to be physically active, possibly outdoors, so that vitamin D can be synthesized. Even the famous walk of 30 minutes a day, better if with a weight on your shoulders.

In summary, for the health of bones is good:
- Reduce animal proteins, avoid sugars and sugary drinks that acidify the body.
- Reduce the consumption of salt (which facilitates the elimination of calcium with urine)
- Increase the consumption of calcium through vegetables: the presence of oxalates in some vegetables such as, ribs, chard, rhubarb, spinach, turnips, chicory, etc.., could reduce the bioavailability of calcium, however, it is also true that, to obtain a good amount of calcium from these vegetables is sufficient to eliminate the cooking water, eliminating with it also the oxalates.
- Other foods rich in calcium are sesame, gomasio, onion (better cooked), almonds, legumes, aromatic herbs (basil, marjoram, thyme...).
- Avoid tea and coffee during and after meals, as caffeine inhibits intestinal absorption.
- Exercise constantly
- Don't smoke

For further information:
Milk intake and risk of mortality and fractures in women and men: cohort studies
The real cause of calcium deficiency

2020-06-15 16:07:26


Gli omega 3 e i migliori cibi dai quali assumerli


Leggo spesso diversi articoli sull' importanza di assumere Omega 3 sotto forma di pesce o integratori, ma vediamo bene cosa sono e quali sono le migliori fonti dalle quali ricavarle.

Gli omega-3 sono acidi grassi essenziali, li assumiamo attraverso l’alimentazione in forma di precursori, che vengono poi trasformati in acidi grassi polinsaturi a lunga catena, poichè non vengono sintetizzati direttamente dal nostro organismo.

Perchè sono cosi importanti?
Di seguito alcune delle loro funzioni:
- Mantengono in salute le membrane cellulari del nostro organismo
- Mantengono una corretta pressione sanguigna regolando l’eccesso di trigliceridi nell' adulto
- Proteggono da diverse malattie degenerative e cardiovascolari oltre ad alcuni tipi di tumore e diminuiscono il rischio di mortalità per malattie coronariche

Mediamente viene consigliato di assumerli attraverso il pesce, ma la verità è che diversi studi hanno confermato che in questo modo si hanno più danni che benefici, in quanto il pesce, insieme a tutti gli altri prodotti animali, sono fonte principale di grassi saturi e colesterolo, i quali, come è noto, sono tra le principali cause di malattie cardiovascolari ed infiammazione dell' organismo.

Senza contare l' inquinamento da mercurio al quale il pesce è costantemente esposto ed all' impatto ambientale della pesca sia di mare che di allevamento.

A questo punto si potrebbe pensare di ovviare al problema assumendo gli integratori, tuttavia ci sono studi che evidenziano che assumere olio di pesce attraverso integratori non porta ad alcun beneficio.
La miglior fonte di Omega 3 rimangono quindi quelle vegetali, di cui le migliori sono:
- Semi di lino (macinati)
- Semi di Chia (macinati)
- Noci
- Semi di canapa.
- Verdure a foglia verde (rucola, spinaci ecc.)
- Zucca.
- Germogli di soia.

Questo vale sia per chi abbia scelto una dieta 100% vegetale che per tutti gli altri.

Qui un link di approfondimento ed i vari studi correlati.


Omega 3 and the best sources

I often read several articles on the importance of taking Omega 3 in the form of fish or supplements, but let's see what they are and what are the best sources from which getting them.

Omega-3 are essential fatty acids, we take them through the diet in the form of precursors, which are then transformed into long chain polyunsaturated fatty acids, because they are not synthesized directly by our body.

Why are they so important?

Further on, some of their functions:
- They keep the cell membranes of our body healthy.
- They maintain a correct blood pressure by regulating the excess of triglycerides in the adult
- They protect against various degenerative and cardiovascular diseases as well as certain types of cancer and reduce the risk of mortality from coronary heart disease.
It's recommended to take them through fish, but the truth is that several studies have confirmed that in this way you have more harm than good, because fish, along with all other animal products, are the main source of saturated fat and cholesterol, which is known to cause cardiovascular disease and inflammation of the body.

Without counting the mercury pollution to which fish are constantly exposed and the environmental impact of both sea and farmed fish.

At this point one could think of obviating the problem by taking supplements, however, there are studies which show that taking fish oil through supplements does not bring any benefit.
The best source of Omega 3 remains therefore those vegetables, of which the best are:
- Linseed (ground)
- Chia seeds (ground)
- Walnuts
- Hemp seeds
- Green leafy vegetables (rocket, spinach, etc.).
This applies both to those who have chosen a 100% vegetable diet and to everyone else.

2020-06-14 18:15:45


Proteine Vegetali vs Proteine Animali


Lo sapevate che per produrre 1 kilo di carne, servono mediamente 15.000 litri di acqua?
I legumi sono ricchi di proteine (23% più della carne e del pesce), vitamine del gruppo B, acido folico (B9), PP, sali minerali.
Consumati insieme ai cereali, (meglio nello stesso pasto o nella stessa giornata) costituiscono l’ insieme degli aminoacidi essenziali che generalmente si trovano nella carne.
Il consumo quotidiano risolve anche il problema di fermentazione intestinale, in quanto la flora batterica necessita di due/tre settimane per abituarsi e il microbiota ne risulterà rafforzato e sarà più efficace nella trasformazione anche degli alimenti.
Inoltre è meno acidificante e contiene meno grassi di un piatto a base di carne.

Nella foto: nel rispetto della stagionalità dei cibi, riso integrale con semi di lino, sesamo e girasole. Asparagi verdi e lenticchie.


Did you know that to produce one kilo of meat, you need an average of 15,000 litres of water?
Legumes are rich in protein (23% more than meat and fish), B vitamins, folic acid (B9), PP, mineral salts.
Consumed together with cereals, (better in the same meal or in the same day, they constitute the set of essential amino acids generally found in meat.
Daily consumption also solves the problem of intestinal fermentation, as the bacterial flora needs two/three weeks to get used to it and the microbiota will be strengthened and more effective in food processing.
It is also less acidifying and contains less fat than a meat dish.

In the pic : respecting the seasonality of the food, brown rice with line, sesame and sunflower seeds. Green asparagus and lentils.

2020-05-17 20:38:19


La Masticazione e il suo ruolo nella digestione


La prima digestione avviene in bocca, ci insegnavano a scuola.
E' proprio così, masticare lentamente e a lungo permette al cibo di essere frantumato dai denti ed emulsionato dalla saliva che contiene enzimi digestivi.
La maggior parte delle persone che accusano problemi digestivi, ammettono di essere avidi e frettolosi nel mangiare.
Il masticare lentamente, evitando magari di fare altro che ci distragga, come ad esempio guardare le notizie al Tg o leggere il giornale, cambia l' energia del cibo e ci aiuta a digerire meglio, inoltre masticando si rilasciano ormoni che regolano l' appetito, avvertendo quindi il senso di sazietà.
Il cibo pre-digerito dalla bocca, eviterà fastidiosi reflussi gastrici, inoltre, masticando inviamo al corpo il segnale per prepararsi all' assimilazione delle proprietà contenute nel cibo.

A livello più sottile, masticare velocemente potrebbe essere associato alla difficoltà nel digerire e metabolizzare le esperienze della vita e trarne quindi un insegnamento.

Se imparo a masticare lentamente, porterò a livello sottile, un cambiamento nel mio approccio alla vita.


The first digestion happens in the mouth, we learned in school. That's right, chewing slowly and for a long time allows the food to be crushed by the teeth and emulsified by saliva that contains digestive enzymes. Most people who have digestive problems admit of being greedy and hasty in eating.
Chewing slowly, perhaps avoiding doing anything else which distracts us, such as watching the news or reading the newspaper, changes the food energy and helps us to digest better, in addition, chewing releases hormones that regulate the appetite, giving us the feeling of satiety.
The pre-digested food from the mouth will avoid annoying gastric refluxes, moreover, by chewing we send a signal to the body to prepare for the assimilation of the properties contained in the food.

On a more subtle level, chewing quickly may be associated with the difficulty in digesting and metabolizing life's experiences and thus learn from them.

If I learn to chew slowly, I will bring a change in my approach to life to a subtle level.

2020-05-06 12:41:26


Stress e Difese Immunitarie


I ricercatori dell’ AIDS institute dell’ Università della California, hanno scoperto non solo che l’ HIV si diffondeva più facilmente nei pazienti più stressati ma anche che, quanto più alti erano i livelli di stress del paziente, tanto più debole era la sua risposta ai farmaci antiretrovirali.
I farmaci erano quattro volte più efficaci nei pazienti relativamente calmi, rispetto a quelli che, in base alla pressione sanguigna, al tasso di sudorazione e al battito cardiaco a riposo, risultavano più stressati.
Sulla base di queste scoperte, i ricercatori hanno concluso che il sistema nervoso ha un effetto diretto sulla replicazione virale.
J. Dispenza

Researchers at the University of California's AIDS Institute discovered not only that HIV was more likely to spread in the most stressed patients, but also that the higher the patient's stress levels, the weaker his response to antiretroviral drugs.
The drugs were four times more effective in relatively calm patients than those who were more stressed based on blood pressure, sweating and resting heart rate.
Based on these findings, the researchers concluded that the nervous system has a direct effect on viral replication.
J. Dispenza

2020-05-04 21:00:11